Modifiche alla legge sul fallimento e al concordato preventivo 2019 / 2020

decreto-legge-fallimento-liquidazione-giudizialeIl Governo Conte ha apportato diverse modifiche alla vecchia legge sul Fallimento e alle procedure del concordato preventivo.

Ad esempio è stata eliminata dal testo la parola “Fallimento” che a questo punto va in pensione e inserita la parola “liquidazione giudiziale”.

Nei fatti il concordato preventivo anche se è stato modificato rimane molto simile alla vecchia legge, inoltre vengono altresì inserite alcune modifiche interessanti come l’istituzione dell’OCRI e altre…da tenere in seria considerazione.

Leggi tutto

DIRETTIVE UE 2019/1023 – procedure di ristrutturazione insolvenza ed esdebitazione 2019

direttiva-fallimento-concordato-preventivo-europa

In data 26 giugno 2019 è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea la DIRETTIVA (UE) 2019/1023 del Parlamento europeo e del Consiglio del 20 giugno 2019 riguardante i quadri di ristrutturazione preventiva, l’esdebitazione e le interdizioni, e le misure volte ad aumentare l’efficacia delle procedure di ristrutturazione, insolvenza ed esdebitazione, e che modifica la direttiva (UE) 2017/1132 (direttiva sulla ristrutturazione e sull’insolvenza).

Leggi tutto

Cessione ramo d’azienda chi paga i debiti fiscali?

come-richiedere-il-certificato-dei-debiti-tributari

In una cessione ramo d’Azienda i debiti fiscali o debiti tributari del ramo azienda seguono sempre il ramo d’azienda.

I debiti tributari o debiti fiscali verso lo stato seguono sempre il ramo d’azienda, in quanto sono debiti dell’azienda e non debiti dei soci.

I debiti tributari o fiscali contratti nell’esercizio precedente restano nell’azienda.

Per questo motivo durante una cessione ramo d’azienda sarebbe opportuno oltre che desiderabile per chi subentra faccia un’ attenta analisi dei debiti fiscali e dei crediti contratti dal ramo d’azienda.

Leggi tutto

Come funziona il Patto di non concorrenza nella cessione azienda?

CESSIONE-divieto-di-concorrenza

Normalmente il patto di non concorrenza anche divieto di concorrenza in una cessione di azienda viene stipulato dalle ditte individuali e dalle società di persone come le S.a.s e le S.n.c., perchè quasi sempre sono attività commerciali che desiderano evitare la possibile concorrenza commerciale.

Nella fattispecie delle società di capitali un esempio può essere che; viene presa in considerazione questa normativa nei casi in cui le società di capitali abbiano anche attività commerciali e quindi possano generare una concorrenza “sleale” dopo aver venduto/ceduto l’azienda aprendo nei pressi della azienda ceduta un altro per esempio negozio.

Leggi tutto

Si può cedere l’azienda quando si è in attesa di una sentenza della magistratura?

anullamento-contratto-di-cessione-azienda

Questo è un caso particolare di cessione d’azienda. In linea teorica fino a quando non è stato dichiarato il Fallimento l’azienda è cedibile.

Qui si tratta di capire che tipo di giudizio deve essere emesso dalla magistratura competente in materia.

Fino a quando la magistratura non si pronuncia al riguardo di un eventuale Liquidazione Giudiziale ( Fallimento ) la società in linea teorica è cedibile. Nel caso invece in cui la società venga dichiarata fallita l’azienda non è più cedibile.

Leggi tutto

Tassazione cessione di ramo d’azienda

agenzia-delle-entrate

Imposta di registro in misura proporzionale per la cessione di ramo d’azienda

L’agenzia delle entrate ha chiarito che l’operazione di cessione di ramo d’azienda, non quella relativa alla cessione di singoli beni è esclusa dal campo di applicazione dell’IVA e all’operazione deve essere applicata la tassazione relativa all’imposta di registro in misura proporzionale.

Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate con la risposta a interpello n. 574 del 10 dicembre 2020.

Leggi tutto

Cessione azienda responsabilità acquirente debiti fiscali

debito-certificato-di-debenza-

Quale responsabilità Fiscale c’è per i debiti del cedente?

E’ prevista la responsabilità per debiti fiscali solidale tra acquirente e cessionario, salva la preventiva escussione del cedente, per il pagamento delle imposte relative all’anno in cui è effettuata la cessione e ai due precedenti.

La cessione d’azienda quindi  trasferisce un complesso di beni e di rapporti che comprendono anche i debiti.

Leggi tutto

error: Content is protected !!